Iscrizione newsletter Chiudi

Registrati alla Newsletter, per essere sempre aggiornato.

* Campo obbligatorio

Indirizzo Email

*

Nome

Cognome

Tipologia Utente:

*
*
Carta d'Identità Centro Studi 50&Più Chiudi

L'infarto si può predire grazie a un biomarcatore nel sangue

Esistono vari fattori di rischio che aumentano il rischio di infarto in una persona: tra questi si possono citare il fumo, l'ipertensione, il diabete, il peso eccessivo e una dieta poco...  CONTINUA

Scoperto il meccanismo del cervello che scatena l’Alzheimer

Gli scienziati americani hanno identificato un nuovo meccanismo che accelera l'invecchiamento nel cervello e dà origine alle caratteristiche biologiche più devastanti della malattia di Alzheimer....  CONTINUA

Huntington, i primi sintomi della malattia ereditaria che non fa distinzioni di età

L’Huntington è una malattia rara, genetica, neurodegenerativa, caratterizzata da un’ereditarietà molto forte. Il che vuol dire che chi ha un genitore affetto dalla malattia ha il 50% di possibilità...  CONTINUA

Dal DNA “spazzatura” possibile terapia per malattie mitocondriali e Parkinson

Le malattie mitocondriali sono un gruppo molto eterogeneo di patologie ereditarie causate da alterazioni nel funzionamento dei mitocondri, le “centrali energetiche” delle cellule che producono...  CONTINUA

Dal Dna dei sardi la «chiave» per scoprire perché ci ammaliamo

Un’isola straordinaria, in tutti i sensi. La Sardegna è un luogo davvero unico, non solo per il paesaggio: gli abitanti sono una delle popolazioni più speciali d’Europa, perché hanno un Dna pieno...  CONTINUA

Lo scienziato che decise combattere la vecchiaia. E vinse

Era il 1962 quando un giovane scienziato inglese John Bertrand Gurdon si mise in testa di dimostrare che il processo di invecchiamento non era ineluttabile. Gurdon rimpiazzò il nucleo di una...  CONTINUA

Invecchiamento: studiare il pesce pagliaccio per capirne i meccanismi

Uno studio di ricercatori guidati da Alessandro Cellerino, professore di Fisiologia della Normale di Pisa, in collaborazione con il Leibniz Institut on Aging di Jena, apre la strada ad un nuovo...  CONTINUA

Contro l’Alzheimer un virus che trasporta geni sani al cervello

Parte la sperimentazione per un nuovo farmaco anti Alzheimer presso la Cornell University di New York a giugno dove a 15 volontari saranno iniettati dei frammenti di Dna attraverso dei virus, che...  CONTINUA

Ricerca MultiMedica sul midollo osseo: se si "guasta" si invecchia prima

La “sindrome della fragilità geriatrica” è un decadimento funzionale e cognitivo che contribuisce ad aumentare il rischio di malattia e di morte; affligge il 15% degli over 65 italiani, e se ne è...  CONTINUA


12345678910 Ultima