Parliamo delle mie donne

Jacques Kaminski è un importante fotografo che ha trascorso la sua esistenza in giro per il mondo amando numerose donne e mettendo al mondo delle figlie delle quali si è sempre occupato ben poco. Arrivato ormai attorno ai settanta anni si trova in una splendida abitazione sui monti con la sua nuova compagna ed è lì che, senza che lui se lo aspettasse, le figlie lo raggiungono. Loro conoscono il motivo della visita. Lui no. Claude Lelouch dedica questo film ai suoi figli. Sono sette avuti da cinque donne diverse ed afferma che...  CONTINUA

Quello che so di lei

Claire è un'ostetrica che nel corso della sua vita professionale ha fatto nascere innumerevoli bambini amando la propria professione. Proprio in un momento difficile per il suo lavoro (si sta per chiudere il reparto maternità) ricompare dal passato una donna che l'aveva fatta soffrire quando era giovane. Si tratta di Béatrice, colei per cui suo padre aveva lasciato la famiglia. Béatrice è malata e ha bisogno di aiuto anche se non ha perso del tutto la vitalità di un tempo. Claire, che ha anche un figlio ormai grande e anche lui...  CONTINUA

Vivere alla grande

Già da diversi anni Al, Willy e Joe vivono insieme con la rendita delle modeste pensioni. La loro grande evasione consiste nello stare seduti su di una panchina di un modesto parco di periferia ad osservare piccioni e a ricevere gli insulti dei bambini. Un giorno Joe propone agli altri di rapinare una banca con la prospettiva di godersi la vita. Il colpo riesce ma la più debole dei tre, Willy, l'eccitazione risulta fatale.  CONTINUA

La casa del sorriso

Vincitore dell'Orso d'oro al Festival di Berlino (1991) il film racconta la storia di Adelina (Ingrid Thulin) e Andrea (Dado Ruspoli), due anziani non più autosufficienti, entrambi ospitati in una casa di riposo della Romagna. Adelina vi è arrivata perché la nuora, dopo la morte del marito, non ha più tempo né voglia di occuparsi di lei. Andrea è detto "il maestro" perché ama suonare la chitarra. Con il passare del tempo , aumenta la passione tra i due e la relazione diventa sempre più imbarazzante, anche perché nella...  CONTINUA

Adorabile nemica

Harriet Lauler è stata una donna importante in ambito pubblicitario ma ora vive da sola tenuta alla larga da tutti, ivi compresi l'ex marito e la figlia Elizabeth. Ciò è in gran parte dovuto al suo assoluto bisogno di controllo su qualsiasi attività e persona. L'età anziana la spinge a un'iniziativa inconsueta: intende conoscere il suo necrologio prima che sopravvenga la morte. Per far ciò assume d'imperio una giovane addetta alla stesura degli stessi sul giornale locale che lei stessa ha finanziato. Il loro rapporto non sarà...  CONTINUA


 
  SELEZIONATI PER STAMPA
12345678910 Ultima
Totale Articoli: 144