Iscrizione newsletter Chiudi

Registrati alla Newsletter, per essere sempre aggiornato.

* Campo obbligatorio

Indirizzo Email

*

Nome

Cognome

Tipologia Utente:

*
*
Carta d'Identità Centro Studi 50&Più Chiudi

Costalunga Anna

Alla ricerca di nuovi strumenti per combattere la denatalità nella Cina che invecchia

01-04-2022

In Cina il numero di persone in età lavorativa continua a ridursi, ed è in declino dal 2013, primo anno della misurazione ufficiale. La popolazione tra i 16 e i 59 anni si è ridotta di 890.000 unità, passando da un anno prima a 896,4 milioni di abitanti, pari al 64% della popolazione totale. I cinesi, inoltre, invecchiano: i dati demografici rivelano che il numero degli over 60 è aumentato di 4,39 milioni, pari al 18,1% della popolazione totale.

Il Rapporto sulla famiglia e la crisi delle nascite

Secondo il rapporto sui matrimoni e le famiglie cinesi 2022 pubblicato da YuWa Population Research, nel 2020 il numero di cinesi che hanno contratto il primo matrimonio è sceso a 12,28 milioni, ben lontano dal picco di 23,85 milioni nel 2013. Per gli esperti ciò potrebbe comportare una ulteriore discesa dei tassi di natalità. "Se stimato sulla base di un ritardo di circa uno o tre anni tra i primi matrimoni e le nascite, è probabile che il numero di nascite nei prossimi anni sarà molto inferiore ai 10,62 milioni dell'anno scorso", afferma il Rapporto. "Poiché il numero di persone che si sposano mostra una tendenza in calo, si può infatti prevedere che il numero dei primi matrimoni continuerà a diminuire nei prossimi anni".

Una nuova politica per le coppie e la donna

I 10,62 milioni di parti di madri cinesi lo scorso anno hanno segnato un calo dell'11,5% rispetto ai 12 milioni di nascite nel 2020 e hanno contribuito a un aumento complessivo della popolazione di appena 480.000 abitanti in un paese di 1.4126 miliardi di persone. Anche il tasso di matrimoni è sceso a un nuovo minimo nel 2021. Il Governo ha dichiarato a febbraio che nel 2021 sono stati registrati solo 7,63 milioni di matrimoni, il minor numero da quando sono iniziate le registrazioni nel 1986. Per il rapporto YuWa l'abbassamento dell'età minima per il matrimonio e la riduzione dei costi del parto, della genitorialità e dell'istruzione potrebbero contribuire ad aumentare i tassi di matrimonio e natalità. Ha anche suggerito che i requisiti per l'adozione dovrebbero essere allentati, che dovrebbe essere garantito il diritto alla maternità delle donne single e che bisognerebbe condurre uno studio per valutare la possibilità di introdurre in Cina una legge sulla convivenza .

Non tutti concordano

 Negli anni '50, le donne potevano sposarsi a 18 anni e gli uomini a 20. Ma nel 1980, la Cina ha innalzato l'età minima a 20 anni per le donne e 22 per gli uomini, in linea con la lunga politica del figlio unico. La legge è rimasta in vigore fino al 2016, quando Pechino ha ampliato la sua politica al secondo figlio senza modificare l'età del matrimonio. I demografi affermano che è improbabile che la tendenza a ritardare il matrimonio si inverta, e che in ogni caso il problema della bassa natalità resti invariato. Secondo Yuan Xin, vicepresidente della China Population Association e professore di demografia alla Nankai University di Tianjin, le regole di adozione e l'età del matrimonio non sono direttamente collegate al tasso di natalità. E spiega: “Le politiche sul parto superano già di gran lunga la disponibilità delle persone a partorire. La politica dei tre figli non ha praticamente alcun effetto normativo sul basso tasso di natalità. La principale causa del basso tasso di natalità è determinata dall'[attuale] sviluppo socioeconomico".

TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE     AGGIUNGI AI PREFERITI     I MIEI PREFERITI
Autore (Cognome Nome)Costalunga Anna
Casa Editrice, città
Collana
Anno Pubblicazione2022
Pagine
LinguaItaliano
Data dell'articolo19000101
Numero
Fonte
Approfondimenti Online
Subtitolo in stampa01-04-2022
Fonte da stampare
Volume
Approfondimenti
Costalunga Anna
Attori
Parole chiave: Analisi demografica Famiglia Longevità