Osteoporosi maschile, dopo i 50 ne soffre 1 su 5 ma non lo sa

www.ansa.it, 06-10-2017

 Nel convegno che si è tenuto oggi a Padova è stato presentato lo studio Amos, della Fondazione Foresta Onlus in collaborazione con l'Azienda Ospedaliera di Padova, Ulss 6 e Cnr-Sezione invecchiamento, secondo cui su 300 ultrasessantenni, il 38% manifesta una riduzione della densità dell'osso, ma soltanto il 9% ne è conoscenza. Dalla ricerca emerge che i fattori di rischio più evidenti per lo sviluppo della patologia sono l'obesità e l'ipogonadismo, ossia una ridotta produzione di testosterone.Negli over 60, nell'ambito della condizione clinica definita andropausa (disturbi sessuali, debolezza e riduzione della forza muscolare, obesità, diabete), si verifica una si verifica una riduzione dei livelli di testosterone

(Fonte: tratto dall'articolo)
Approfondimenti on line
TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE SELEZIONATI PER STAMPA
Autore (Cognome Nome)
Casa Editrice, città
Collana
Anno Pubblicazione
Pagine
LinguaItaliano
OriginaleNo
Destinatari
  • Studenti e ricercatori
  • Persone anziane
Data dell'articolo2017-10-06
Numero
Fontewww.ansa.it
Approfondimenti Onlinewww.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2017/10/06/osteoporosi-maschile-dopo-i-50-ne-soffre-1-su-5-ma-non-lo-sa_f70aa5d2-d925-482b-906b-98e1e26d63f4.html
Subtitolo in stampawww.ansa.it, 06-10-2017
Fonte da stampare(Fonte: tratto dall'articolo)
Volume
Approfondimenti
Approfondimenti on line