Iscrizione newsletter Chiudi

Registrati alla Newsletter, per essere sempre aggiornato.

* Campo obbligatorio

Indirizzo Email

*

Nome

Cognome

Tipologia Utente:

*
*
Carta d'Identità Centro Studi 50&Più Chiudi

Traboni Igor

«Legge sulle Dat non eutanasia»

Avvenire, 17-12-2020, p.A7

Nel testo l'associazione dei "Volontari italiani domiciliari per l’assistenza ai sofferenti chiarisce il proprio punto di vista rispetto alla legge 219. Parlare del fine vita è infatti molto complesso perché è difficile mettersi nei panni di chi ha davanti prospettive di vita molto difficili.

Però questo non deve essere l'anticamera dell'eutanasia. Anche perchè molto può venire dalle cure palliative. Si sottolinea anche l'importanza del diritto alle cura nei confronti della mancanza di guarigione. Viene anche evidenziato il ruolo delle cure domiciliari.

Infine, Emilia De Biasi ha puntualizzato che «è improprio parlare di biotestamento perché questa legge è sul consenso informato ed è da qui che parte la consapevolezza dell’individuo e la relazione di cura », lamentando altresì una mancanza «dell’impianto organizzativo della legge» e uno scollamento rispetto al Servizio sanitario nazionale ad impedirne una piena applicazione.

(Sintesi redatta da: Balloni Flavia)

TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE     AGGIUNGI AI PREFERITI     I MIEI PREFERITI
Autore (Cognome Nome)Traboni Igor
Casa Editrice, città
Collana
Anno Pubblicazione2020
PagineA7
LinguaItaliano
OriginaleSi
Data dell'articolo2020-12-17
Numero
Fonte
Approfondimenti Online
FonteAvvenire
Subtitolo in stampaAvvenire, 17-12-2020, p.A7
Fonte da stampare(Sintesi redatta da: Balloni Flavia)
Volume
Approfondimenti
Traboni Igor
Attori
Parole chiave: Testamento biologico