(function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'stats.g.doubleclick.net/dc.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })();
Iscrizione newsletter Chiudi

Registrati alla Newsletter, per essere sempre aggiornato.

* Campo obbligatorio

Indirizzo Email

*

Nome

Cognome

Tipologia Utente:

*
*
Carta d'Identità Centro Studi 50&Più Chiudi

Corcella Ruggiero

Cadute e malori: così gli anziani fragili (e lontani) sono più al sicuro

www.corriere.it, 02-03-2021

Cadute e malori: così gli anziani fragili (e lontani) sono più al sicuro

L’ultima indagine di Italia Longeva sulle cure a lungo termine rileva come nel nostro Paese siano quasi 14 milioni gli over-65, di cui 5 milioni e mezzo affetti da almeno tre malattie croniche e 4 milioni con disabilità gravi. 

"Per gestire i pazienti fragili devi evitare che, come con i vetri di Murano, il bicchiere caschi a terra e si rompa" il professor Sergio Pillon, membro del Digital Health Working Group, European Public Health Alliance (WG-DH EPHA) ha usato questa frase per introdurre il Progetto Fragilità ,che l’esperto in sanità digitale sta coordinando per quanto riguarda gli aspetti clinici.

L’iniziativa è portata avanti da Regione Lazio, Consiglio nazionale delle ricerche e Unidata, in collaborazione con Confcooperative che si è detta disponibile alla «prova sul campo». Parliamo di un progetto di teleassistenza, secondo la definizione delle Linee di indirizzo nazionali per la telemedicina, che prevede un sistema di supporto domotico appunto per le persone fragili.

O, se preferite restare nel campo della metafora, «una tovaglia di gommapiuma intorno ai bicchieri di Murano», come chiosa il professor Pillon. Le fragilità coinvolte nell’iniziativa possono includere persone anziane con patologie croniche, disabilità, multimorbilità. «Se prendiamo in considerazione il solo indicatore del tipo di cronicità che un paziente ha acquisito, non riusciamo ad avere una reale visione delle sue necessità», dice Pillon. «Quello che serve invece è proprio valutare la sua fragilità. Esistono degli indicatori internazionali interessanti, ma non bastano».

Diversi gli obiettivi che si intende raggiungere con questo progetto: ridurre l’isolamento sociale della persona fragile; estendere il supporto delle cooperative di servizi sociali anche al di fuori di quello «in presenza» alla persona fragile. Ma anche prevenire cadute e lesioni da pressione o il ricovero urgente per patologie trattabili al domicilio, se diagnosticate precocemente (patologie respiratorie, scompenso cardiaco, cadute); sperimentare e dimostrare la possibilità di realizzare un sistema economicamente sostenibile dalla persona, dai servizi socio sanitari e/o dai familiari del paziente fragile che fornisca supporto socio sanitario alla persona fragile. Con il monitoraggio dei parametri, il progetto consente di valutare la qualità dell’assistenza data al paziente fragile.

(Sintesi redatta da: Righi Enos)

Approfondimenti on line
TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE     AGGIUNGI AI PREFERITI     I MIEI PREFERITI
Autore (Cognome Nome)Corcella Ruggiero
Casa Editrice, città
Collana
Anno Pubblicazione
Pagine
LinguaItaliano
OriginaleSi
Data dell'articolo2021-03-02
Numero
Fontewww.corriere.it
Approfondimenti Onlinewww.corriere.it/salute/ehealth/21_febbraio_27/cadute-malori-cosi-anziani-fragili-lontani-sono-piu-sicuro-01f66950-60b5-11eb-b90c-509c7d96fdd2.shtml
Subtitolo in stampawww.corriere.it, 02-03-2021
Fonte da stampare(Sintesi redatta da: Righi Enos)
Volume
Approfondimenti
Approfondimenti on line
Corcella Ruggiero
Attori
Parole chiave: Cadute Politiche riferite alla popolazione anziana Progetto obiettivo tutela della salute degli anziani