Iscrizione newsletter Chiudi

Registrati alla Newsletter, per essere sempre aggiornato.

* Campo obbligatorio

Indirizzo Email

*

Nome

Cognome

Tipologia Utente:

*
*
Carta d'Identità Centro Studi 50&Più Chiudi

Ludovisi Chiara

Il cohousing “da e per le persone con disabilità”: dall’idea alla realtà

www.redattoresociale.it, 16-02-2022

Andrea Galliana, geometra di 53 anni, torinese, ha ideato un “condominio dinamico” per chi, come lui, soffre di una disabilità. Si è ispirata alla sua idea la cooperativa Di Vittorio, che ha realizzato un “social cohousing” in cui 7 appartamenti su 69 sono senza barriere.

Il cohousing è ad Orbassano (TO) e prevede spazi in condivisione, all'aperto e al chiuso, in un complesso residenziale che sostiene l'inclusione senza barriere e separazioni affiancando la condizione della disabilità a famiglie normodotate – si legge nella brochure di presentazione -. Spazi privati e comuni sono definiti con attenzione al rapporto tra dimensione, qualità e comfort. 

La locazione avrà durata di 15 anni, al termine dei quali si avrà la possibilità di acquistare l’alloggio ad un prezzo già inizialmente concordato: il costo dell'affitto varia, a seconda della dimensione, dai 360 euro del bilocale ai 550 dell'attico. L’esperienza mette insieme l'esigenza di avere una casa indipendente con quella di avere spazi in condivisione dedicati, trasformando gli spazi comuni in ambienti condivisi: zona cucina, svago, televisione, palestra, ma anche una sala per le badanti condominiali, con il loro bagno, il letto, l'armadio, sala per palestre ecc. Una condivisione degli spazi, delle attività e dei servizi, che comprende anche un ambiente per il coworking, un giardino o altro. Un condominio che offra la doppia possibilità: quella dell'autonomia della privacy da un lato, quella della condivisione dall'altro.

Per questo si può parlare di un “condominio dinamico”, una soluzione abitativa in cui ai residenti sia offerta la massima possibilità di scelta. Si tratta, sottolinea l'ideatore, di un modello molto utile, non solo per le disabilità, ma anche per gli anziani. Il governo, conclude Galliana, dovrebbe impegnarsi per fare in modo che più condomini possibili in Italia si trasformino in cohousing, magari sfruttando gli incentivi del 110%. "Dobbiamo sapere - afferma - che disabile possiamo diventarlo, ma anziani lo diventiamo più o meno tutti: investire nel cohousing significa essere lungimiranti e prevenire un problema, prima che divenga emergenza".

(Sintesi redatta da: Anna Costalunga)

Approfondimenti on line
TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE     AGGIUNGI AI PREFERITI     I MIEI PREFERITI
Autore (Cognome Nome)Ludovisi Chiara
Casa Editrice, città
Collana
Anno Pubblicazione
Pagine
LinguaItaliano
OriginaleSi
Data dell'articolo2022-02-16
Numero
Fontewww.redattoresociale.it
Approfondimenti Onlinewww.redattoresociale.it/article/notiziario/il_cohousing_da_e_per_le_persone_con_disabilita_dall_idea_alla_realta
Subtitolo in stampawww.redattoresociale.it, 16-02-2022
Fonte da stampare(Sintesi redatta da: Anna Costalunga)
Volume
Approfondimenti
Approfondimenti on line
Ludovisi Chiara
Attori
Parole chiave: Cohousing Disabilità, handicap Condominio solidale