Iscrizione newsletter Chiudi

Registrati alla Newsletter, per essere sempre aggiornato.

* Campo obbligatorio

Indirizzo Email

*

Nome

Cognome

Tipologia Utente:

*
*
Carta d'Identità Centro Studi 50&Più Chiudi

Carrino Antonella

Casse previdenziali private: anche i professionisti invecchiano

12-12-2019

L' invecchiamento della popolazione non risparmia nessun ambito lavorativo; l'Italia è in prima fila in Europa, fra l'altro, quanto ad età media del settore dell'insegnamento e nella Pubblica Amministrazione ma anche  nel settore sanitario ( medici e infermieri) e non potevano mancare i professionisti.

Questi i dati che emergono in merito dal IX Rapporto dell'Adepp, l'Associazione degli enti di previdenza privati. Più di 1 iscritto su 2 alle Casse previdenziali private ha un'età compresa tra i 40 e i 60 anni. La classe d’età più rappresentata  è quella  tra i 40 e i 50 anni,  seguita da quella fra i 50 e i 60 anni. La platea di riferimento ha subito un invecchiamento nel corso degli anni e le maggiori variazioni hanno riguardato la fascia degli iscritti compresa tra i 30 e i 40 anni, calati dal 2005 ad oggi dal 33,6%  al 21,5% sul totale degli iscritti; al contrario i 50-60enni  sono passati dal 18%  al 25%  ( 1 su 4).

Le cause? Per il Rapporto diversi fattori: l'innalzamento dell'età pensionabile e  la maggiore proporzionalità delle prestazioni pensionistiche ai versamenti effettuati (contributivo) e non più al reddito (retributivo). Altri fattori vanno ricercati, per l'Adepp, nell’invecchiamento della popolazione italiana e nella diminuzione degli iscritti alle università. Per l'Adepp. l'invecchiamento degli iscritti è del tutto evidente e segue esattamente l’invecchiamento dei lavoratori italiani.

Altre due particolarità emergono dalla ricerca: da un alto crecse il numero dei pensionati che contribuiscono. Al 31 dicembre del 2018 i contribuenti iscritti  alle Casse di previdenza private erano 1.649.263 (+1,34% rispetto al 2017) di cui 1.563.580 attivi e 85.683 attivi pensionati. Il numero dei contribuenti attivi fra il 2005 e il 2018 è cresciuto di circa il 26% ma il boom ha riguardato i pensionati ( 102,41%) che hanno continuato a versare.L'attuale normativa incrementa il peso della componente contributiva personale sul trattamento pensionistico finale. 

La seconda specificità evidenziata dal Rapporto Adepp riguarda l'incremento costante negli anni della rappresentanza femminile all'interno Casse previdenziali private. Le donne professioniste sono cresciute di numero (passando, nel periodo 2007-2018, dal 30% a quasi il 40% degli iscritti) ma sono anche più giovani degli uomini. Secondo il Rapporto l’età media delle donne è di circa 45 anni, contro i 50 degli uomini; tra i professionisti under 40  vi è una prevalenza della componente femminile che rappresenta circa il 54% del totale degli iscritti under 40. In questa fascia di età in pratica poco più di 1 professionista su 2 è donna.  Con l'avanzare dell'età le proporzioni si invertono e, nella fascia tra i 50 e 60 anni, le donne rappresentano solo il 33% degli iscritti ( circa 1 su 3); le proporzioni diminuiscono ulteriormente con l’aumentare dell’età.


TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE     AGGIUNGI AI PREFERITI     I MIEI PREFERITI
Autore (Cognome Nome)Carrino Antonella
Casa Editrice, città
Collana
Anno Pubblicazione2019
Pagine
LinguaItaliano
Data dell'articolo19000101
Numero
Fonte
Approfondimenti Online
Subtitolo in stampa12-12-2019
Fonte da stampare
Volume
Approfondimenti
Carrino Antonella
Attori
Parole chiave: Differenze dovute ad età, sesso, razza, ecc. Pensionamento, problemi del Sistema pensionistico