Iscrizione newsletter Chiudi

Registrati alla Newsletter, per essere sempre aggiornato.

* Campo obbligatorio

Indirizzo Email

*

Nome

Cognome

Tipologia Utente:

*
*
Carta d'Identità Centro Studi 50&Più Chiudi

Badanti in nero, 4 milioni di euro non dichiarati. La soluzione dell’assegno di cura

Prospettive assistenziali, 3, 2020, p.55

Redditi per milioni non dichiarati e imposte evase per centinaia di migliaia di euro, sono i risultati di una indagine della Guardia di finanza di Susa, in Piemonte, su colf e badanti. L’istituzione di un assegno di cura attraverso cui la sanità riconosca, senza valutazione della sitiuazione patrimoniale del malato, un rimborso delle spese vive sostenute dai familiari, potrebbe prevenire tale fenomeno.Sarebbe sufficiente applicare le norme regionali vigenti sul territorio del Piemonte (Dgr. 39/2009 e 56/2010).

ATorino già beneficiano di tale supporto più di 3.500 persone: il personale assunto per l’opera di tutela della salute dei malati cronici non autosufficienti risulta essere pienamente in regola.

(Sintesi redatta da: Anna Costalunga)

TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE     AGGIUNGI AI PREFERITI     I MIEI PREFERITI
Autore (Cognome Nome)
Casa Editrice, città
Collana
Anno Pubblicazione2020
Pagine55
LinguaItaliano
OriginaleSi
Data dell'articolo19000101
Numero3
Fonte
Approfondimenti Online
FonteProspettive assistenziali
Subtitolo in stampaProspettive assistenziali, 3, 2020, p.55
Fonte da stampare(Sintesi redatta da: Anna Costalunga)
Volume
Approfondimenti
Attori
Parole chiave: Buono, voucher, assegno di cura Caregiver caregiving